Slide background
Slide background
Slide background

#FreeTheArctic30

30 persone sono in carcere in Russia dopo aver protestato pacificamente contro le trivellazioni in Artico. Sono entrati in azione perchè sanno che è sbagliato mettere in pericolo l’Artico per cercare petrolio, proprio la causa dei cambiamenti climatici che stanno sciogliendo i ghiacci. Gli Arctic30, tra cui un fotografo e un videoperatore freelance, sono stati accusati in un primo momento di pirateria e il ricorso per la scarcerazione su cauzione è stato rigettato per tutti. Ora l’accusa di pirateria è stata sostituita da quella assurda di vandalismo, per cui rischiano fino a un massimo di 7 anni di carcere. Aiutaci a liberarli ora.

Telefona ora

Chiedi all’ambasciatore russo di rimandare subito a casa i nostri Arctic30. Poi scrivici cosa ti ha risposto.
Chiama ora

Che altro posso fare?

Clicca qui per vedere che altro puoi fare per aiutare gli Arctic30
Per saperne di più

Che altro posso fare?

  • Firma la petizione

    Unisciti anche tu per Save the Arctic: dobbiamo creare un santuario globale e stoppare le trivellazioni che mettono in pericolo la casa degli orsi polari.

  • Manda una lettera

    Scrivi all'Ambasciata russa nella tua nazione, chiedi #FreeTheArctic30.

  • Guarda e condividi

    Guarda e condividi questo video: riguarda il nuovo sporco patto tra Gazprom e Shell per trivellare l'Artico russo.

  • Conosci gli Arctic30

    Conosci gli Arctic30: leggi i loro profili e condividili

  • Facciamo pressione su Shell

    Vai sulla pagina Facebook di Shell e chiedi spiegazioni sulla loro partnership con Gazprom, la pericolosa compagnia petrolifera contro cui hanno protestato gli Arctic30

#FreeTheArctic30

Scrivi all’Ambasciata russa per chiedi #FreeTheArctic30 e stop alle trivellazioni in Artico

  • Le vostre informazioni sono al sicuro con noi. Greenpeace non potrà mai condividere, vendere o scambiare informazioni con altre
            organizzazioni. Leggi la nostra Informativa sulla privacy.
  •